Pensioni e lavoro: “uniti” da riforma liberale

Tra gli OpEd di Finanza Pubblica, Fabio Pammolli e Nicola C. Salerno avanzano una proposta per superare lo "scalone" della riforma "Tremonti-Maroni".  Una nuova riforma liberale, con effetti virtuosi sul mercato del lavoro, che responsabilizza soprattutto (ma non solo) i lavoratori rientranti nel calcolo retributivo della pensione, così come lo smobilizzo del TFR (e la connessa ipotesi di opting-out) richiedono l’impegno dei lavoratori rientranti nel contributivo.