CERM


Editoriale

Mauro Marè, Fabio Pammolli
RIDURRE IL CUNEO CONTRIBUTIVO PER I GIOVANI, PER TORNARE A CRESCERE
In Italia, l'aliquota di contribuzione obbligatoria al sistema pensionistico pubblico per il lavoro dipendente è alta, il 33% della retribuzione annua lorda, di cui 8-9 punti percentuali a carico del lavoratore e 24-25 punti a carico dell'impresa. L [...]

> Leggi l'articolo intero

La settimana

Selezioni dalla rete del 21.05.16
A cura di Guido Borà

ISTAT Rapporto annuale 2016 - La situazione del Paese

Negli anni 2012-2015 è cresciuta l’incidenza di prodotti importati destinati alla domanda finale. In particolare, nel 2015 il grado di penetrazione delle importazioni di beni e servizi destinati alla domanda finale è stato pari al 41,0 per cento, con una dinamica in accelerazione (è cresciuta di 2,4 punti percentuali rispetto all’anno precedente e di 5,5 punti rispetto al 2012).Nello stesso periodo il grado di penetrazione delle importazioni destinate a usi intermedi è stato pari al 36,8 per cento (+1,4 punti percentuali rispetto al 2014 e +3,8 punti rispetto al 2012).

Assobiotec - «Le imprese di biotecnologie in Italia»

A fine 2015, sono quasi 500 in Italia le imprese di biotecnologie, attive in tutti i settori di applicazione. Più della metà di queste (256) è costituita da imprese dedicate alla R&S biotech, vale a dire da aziende che dedicano oltre il 75% dell’investimento totale in R&S ad attività di ricerca biotech. La grande maggioranza delle imprese biotech italiane (75%) è costituita da aziende di micro o di piccola dimensione.

ISTAT - Le prospettive per l'economia italiana nel 2015-2017

Nel 2016 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all'1,1% in termini reali, un tasso di crescita superiore a quello registrato nel 2015 (+0,8%). La spesa delle famiglie in termini reali è stimata in aumento dell'1,4%, alimentata dall'incremento del reddito disponibile e dal miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro. Si prevede una ripresa degli investimenti (+2,7%) che beneficeranno del rafforzamento delle attese sulla crescita dell'economia e del miglioramento delle condizioni del mercato del credito.

ISTAT Rapporto annuale 2016 - Il sistema della protezione sociale e le sfide generazionali

In Italia la spesa per prestazioni di protezione sociale è quasi totalmente a carico delle Amministrazioni pubbliche. Nel 2015 aveva infatti questa origine il 100 per cento della spesa per la sanità, circa il 97 per cento di quella per l’assistenza e circa il 92 per cento della spesa per la previdenza. Considerando la parte di spesa erogata dalle Amministrazioni pubbliche, la funzione previdenza pesa per i due terzi, la funzione sanità per circa il 23 per cento e l’assistenza per il residuo 10 per cento.

MEF - Relevant Factors Influencing Debt Developments In Italy

The results of the simulation suggest the following. First, protracted weakness of global economic conditions would further delay the foreseen reduction of the debt to GDP ratio but Italy’s public debt would remain fully sustainable. By the year 2018, debt reduction would resume at full speed. Second, additional fiscal adjustment does not lead to a faster reduction of the ratio; on the contrary, in the short term it delays it.

Braincooperation - La relazione tra età e prestazione. Fuori dai luoghi comuni

Dal punto di vista quantitativo gli occupati al di sopra dei 55 anni sono pari a 4,2 milioni nel 2015. Nel 2004 essi erano invece pari a 2,8 milioni; si è avuto in 11 anni un incremento di 1,4 milioni di occupati, con una crescita molto forte dell’incidenza degli over 55, che passa dal 12,51% del 2004 al 18,6% del 2015.



SOCIAL
TWITTER
18052016

Lo #sport contro 13 #tumori, abbatte il rischio oltre il 20% #salute #sanità
https://t.co/7YttEIXrqo

18052016

Esami clinici? Torni l'anno prossimo, a 108 anni! #Sanità >
https://t.co/mRb4Aggjip

25052016

Spaccare l'Italia sul #referendum, cercare di illuderla sulle #pensioni. La propaganda renziana è da brividi.

24052016

#Pensioni. Questi annunci sono indecenti, perché si sta destabilizzando una popolazione di 18 mln di persone che non si può difendere

25052016

More people now able to apply for #UniversalCredit: we've got loads of useful advice online #welfare
https://t.co/X5zesMrt6n

25052016

#CoffeeBreakLa7 Il #welfare dei nonni che aiutano e, a volte, mantengono con la loro pensione figli e nipoti #la7
https://t.co/kXHLxbIVXn



12.10.2015
> Mauro Marè
> Fabio Pammolli

PER SALVARE LE PENSIONI BISOGNA DEFISCALIZZARE IL FUTURO DEI GIOVANI

L’aumento dell’aspettativa di vita, la riduzione dei tassi di fertilità e la scarsa crescita rischiano di rompere il patto tra generazioni. Vanno assicurati contributi più leggeri per gli italiani under 25.

[...]

> Leggi l'articolo intero

07
08
2015
> Fabio Pammolli
> Francesco Porcelli
> Francesco Vidoli
> Guido Borà
LA SPESA SANITARIA DELLE REGIONI IN ITALIA – SANIREGIO2015

Saniregio2015 fornisce un’analisi della spesa sanitaria corrente delle singole Regioni italiane. Introduciamo un meccanismo di calcolo del fabbisogno standard basato sulla stima di una funzione di spesa, un modello empirico derivato dalla fu [...]

> Leggi l'articolo intero


07
02
2015
> Lawrence Kotlikoff
WHAT’S THE MOST FISCALLY RESPONSIBLE COUNTRY IN THE DEVELOPED WORLD?

Editor’s Note: Making Sen$e Social Security columnist Larry Kotlikoff recently returned from Rome, where he spoke with Italy’s new economic minister. From the outside, it’s easy to assume that Italy, with 13 percent unemployment, is in bad s [...]

> Leggi l'articolo intero


UNIVERSAL HEALTH COVERAGE: THE HOLY GRAIL? 21ST ANNUAL LECTURE PUBLICATION

The 21st OHE Annual Lecture was given by Professor Anne Mills, London School of Hygiene and Tropical Medicine, on the subject of Universal Health Coverage in low- and middle-income countries. It is now available as a publication and can be downloa [...]

> Leggi l'articolo intero


06
01
2015
> Fabio Pammolli
GLI SCANDALI NON AFFOSSINO L’OPPORTUNITÀ FEDERALISTA – CORRIERE DELLA SERA

Ostacoli – All’Italia servono meno spesa e più efficienza: a garantirle non saranno pulsioni neocentraliste

Sembra non finire mai la transizione istituzionale che ha segnato i rapporti finanziari tra lo Stato e gli enti locali [...]

> Leggi l'articolo intero


02
12
2014
SEMINARIO A PORTE CHIUSE CERM E CRUSOE SULLA SANITÀ DEL FUTURO

Il prossimo 15 dicembre, alle ore 15.30, presso il Ministero della Salute, nella sala della Biblioteca, si terrà un importante dibattito a porte chiuse su una delle sfide chiave per la nostra società, chiamata ad affrontare le sfide dell’invec [...]

> Leggi l'articolo intero


IDEALOGUE FOR INNOVATION: A CONVERSATION WITH ITALY’S FABIO PAMMOLLI

William Looney, Direttore di Pharmaceutical Executive, intervista Fabio Pammolli: IDEAlogue for Innovation: A Conversation with Italy’s Fabio Pammolli

[...]

> Leggi l'articolo intero

01
08
2014
> Mauro Marè
> Fabio Pammolli
IL WELFARE E LE GENERAZIONI – CONVEGNO CERM E CRUSOE

Il 21 luglio, con un seminario su sostenibilità del welfare, conflitto generazionale e spesa sanitaria, il centro di ricerca economica CERM e il sito di informazione economica Crusoe hanno avviato la loro attività in comune.

Animate da Al [...]

> Leggi l'articolo intero


04
06
2014
PARTICIPATION IN CONFERENCES

Fabio Pammolli participated, as invited speaker, to the following events:

TIGER Forum 2014, Toulouse, June 2-6
Centesimus Annus Foundations, 2014 International Conference, Rome and The Vatican, May  8-10

[...]

> Leggi l'articolo intero

23
05
2014
THE SWITCH PROJECT LATEST PUBLICATIONS

The Switch Project Team has posted new items:

A birds-eye view of SWITCH big data project, by Greg Morrison
Demographic uncertainty, the financing mix and the sustainability of welfare system, by Luca Regis
Biomedical Innovat [...]

> Leggi l'articolo intero